Percorsi individuali

Proviamo ad abbandonare alcune di queste idee: il Cane “deve”: imparare, obbedire, capire, ascoltare, cambiare.
Oppure il cane “non deve”: sporcare, abbaiare, saltare addosso, tirare…

Compito del Cane è “fare” il Cane, “essere” un cane, perchè noi desideriamo solo che sia se stesso, amiamo le sue qualità, amiamo le sue particolari caratteristiche.

Mentre lui sa benissimo fare la sua parte… spesso siamo noi a non saper fare la nostra! Abbiamo tante aspettative, troppe pretese, tutto deve essere come noi decidiamo che sia.

L’osservazione

E’ necessario abbandonare queste credenze e metterci su una nuova strada, iniziando da una cosa semplice: l’osservazione.
Osservare il cane per imparare a capirlo e trovare la comunicazione migliore.

Se lasciato libero di esprimersi il Cane comunica chiaramente, siamo noi a dovere imparare e comprendere il suo linguaggio.

Le emozioni

Spesso non siamo consapevoli di cosa stiamo realmente comunicando. Tanto più, crediamo di farlo solo attraverso il linguaggio verbale, canale che invece rappresenta una piccola parte della nostra comunicazione.
I movimenti del nostro corpo, sono lo specchio delle emozioni (comunicazione non verbale e paraverbale) che il cane capisce benissimo, lui vive ogni attimo presente come verità assoluta, realtà in cui cogliere ogni indizio, ogni movimento, rumore, odore.

Il cane percepisce di noi anche emozioni di cui noi non siamo consapevoli.

Richiedi informazioni: contattaci

La consapevolezza

Nei nostri percorsi proponiamo come interagire con il nostro compagno nel modo migliore: lasciargli la libertà di esprimersi, di scegliere, di agire; come richiamarlo, come utilizzare il guinzaglio in modo corretto ed altre abilità pratiche utili nella vita quotidiana, sono competenze che vengono apprese ma non necessariamente le primarie.
E soprattutto proponiamo di essere più consapevoli di chi siamo, di come ci muoviamo, di cosa portiamo nella relazione.

Mettersi in gioco

E’ indispensabile la volontà di mettersi in gioco e, a volte, anche in discussione: di essere disponibili a comprendere le esigenze del cane ed a tenerne conto; di essere pronti a stupirsi e forse a cambiare le nostre credenze. Così come possiamo imparare a vivere con altre persone, allo stesso modo possiamo imparare a vivere con un cane: non abbiamo sempre ragione noi, spesso ha ragione lui.

Il cane impara da noi molte più cose di quante noi ne impariamo da lui”. Anonimo

Richiedi informazioni: contattaci